Attacco al Salento

30 Ago Attacco al Salento

 

Il mese di agosto ha fatto registrare ancora un enorme successo turistico del Salento e di Gallipoli e in questo ambito, una strepitosa affermazione di Samsara e dei suoi “Beach Party”, ormai amati e cercati da migliaia e migliaia di giovani e meno giovani. Nonostante questo su una parte della stampa, in verità su un paio di quotidiani, abbiamo letto continuamente attacchi a Gallipoli e al Salento, e ai suoi prodotti turistici rivolti ai giovani. Si è arrivati a teorizzare che l’abusivismo negli affitti o le case strapiene sarebbero responsabilità di imprenditori che con i loro prodotti e le loro iniziative arricchiscono ed hanno arricchito Gallipoli ed il Salento. Una descrizione davvero strumentale e scorretta che assolve i singoli disonesti e condanna chi correttamente produce lavoro e ricchezza con professionalità riconosciuta in Italia ed in Europa. Si è scritto di un presunto scandaloso eccesso di pubblico e di turisti in Gallipoli… una roba da ridere per non piangere… Gallipoli piena di turisti non andrebbe bene, in nome di un turismo anch’esso presunto di qualità, che non esiste in termini selettivi in nessun luogo del mondo, da Parigi a Venezia, passando per la Romagna o il Trentino… Purtroppo sono chiacchiere di chi non conosce il turismo, ma pensa di poterne tracciare regole e confini. Il turismo è un’industria: in Salento e Gallipoli è l’unica e florida industria che funziona, perché ha buoni prodotti moderni ed innovativi e con reputazione internazionale… Scrivere che bisogna limitare arrivi e ridurre il prodotto giovani e divertimento (ovviamente nella legalità) significa NON sapere di cosa si parla… o peggio significa voler colpire Gallipoli nella illusione ridicola che quella pressione turistica ritorni dove andava prima o si distribuisca un pò per ogni località. La sensazione sgradevole che abbiamo avuto, oltre la superficialità e la non professionalità di alcuni pezzi giornalistici, è stata quella del dolo, dell’attacco al Salento e Gallipoli, che fanno i numeri e danno ” fastidio”…. e allora rispondiamo forte, senza nascondere i difetti che ci sono sia nel pubblico, che nel privato, in Salento e non solo. Sicuramente si può’ fare meglio, ma non certo criminalizzando questo territorio o anche semplicemente il turismo giovanile… la prova assoluta del successo e della grande professionalità è proprio la storia del Samsara, modello di organizzazione e legalità in Gallipoli, con grandi numeri per simpatia e apprezzamento e talmente stimati da essere stati scelti per aprire Samsara in Budva (Montenegro) e addirittura nella patria storica del turismo, cioè in Riccione dove Samsara ha aperto il 1 giugno con grande apprezzamento e stima generali. Dunque basta con questo attacco e semmai si discuta nel merito dei problemi e delle effettive responsabilità a tutti i livelli… noi siamo qui e pronti…
P. S. A settembre grande programma nei tre magici Samsara!!! Memo…

Enrico Paolini

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.